Benvenuti a Panicale (Pg)...pittoresco paese medievale

IL RICAMO su tulle

A Panicale il Ricamo su tulle rappresenta sicuramente il fiore all'occhiello delle attività artigianali locali. Nato nei primi anni del 1900 grazie alla intraprendenza della Sig.ra Anita Belleschi Grifoni, per un lungo tempo è rimasto nell'ombra a causa della mancanza sia di iniziative volte alla sua promozione  sia perchè le sig,re che si dedicavano a questa bellissima arte tipicamente femminile  erano rimaste veramente poche. Oggi il ricamo su tulle a Panicale chiamato dalla sua stessa creatrice "............" vive una nuova gioventù grazie a Paola Matteucci di Panicale che, dapprima ha appreso la tecnica del ricamo poi fin dai primi anni 2000 svolge la propria attività come consulente e insegnate di ricamo.

Il ricamo su tulle di Panicale deriva da antiche tradizioni locali, come testimoniano i manufatti di produzione conventuale conservati ancora nelle nostre chiese. Questa tecnica, molto diffusa nell'800 dopo l'invenzione del telaio per tulle meccanico (1809), rappresentava un modo veloce per la produzione di pezzi simili al merletto ad ago. Negli anni '20 fu rielaborata da Anita Belleschi Grifoni che ne perfezionò la lavorazione fondando anche una scuola di ricamo su tulle, a cui diede nome "Ars Panicalensis".  La scuola di ricamo offrì la possibilità a molte donne Panicalesi di compiere un primo passo verso l'indipendenza economica. L'esecuzione del ricamo necessita di una precedente imbastitura su un doppio supporto costituito da carta oleata (disegnata) a carta da pacchi. Si esegue poi il ricamo ad ago con punti filza e differenti retini per produrre effetti di vuoti/pieni e chiaroscuri. Fiori, medaglioni a retina, uccelli del paradiso, volute barocche, sono i soggetti privilegiati dell'Ars Panicalensis  uno tra i ricami a mano su tulle più ricercati. Niente macchine da ricamo quindi, ma solo la creatività e l'abilità delle mani. (foto a lato Paola Matteucci con una sua creazione "Velo da Sposa")

Dopo un lungo periodo in cui il ricamo su tulle ebbe ampia diffusione e notevole successo anche presso la Corte Reale, con la scomparsa della Signora Anita questa bellissima arte è andata via via perdendo di popolarità e di interesse, fino al punto che soltanto pochissime donne Panicalesi  continuavano a ricamare con eguale passione come facevano un tempo E' per merito di Paola Matteucci, una giovane panicalese, che avvicinatasi quasi per caso alla tecnica del ricamo Ars Panicalensis,  oggi a Panicale il ricamo a mano su tulle ha riacceso l'interesse delle donne di Panicale e non solo. Infatti la particolarità della tecnica, l'eleganza dei disegni e dei ricami,  portano molte signore, anche da fuori regione, a frequentare i corsi intensivi e stabili organizzati nella scuola comunale, (istituita dall'amministrazione comunale nei locali della ex Chiesa del Rosario dopo il  restauro), corsi che sono tenuti personalmente da Paola Matteucci in collaborazione con la Pro-Loco di Panicale e sopratutto con le maestre ricamatrici che hanno avuto il merito di conservare e tramandare fino ad oggi i segreti di questa meravigliosa arte.